Il “Cisternone Romano”, datato al I sec. a.C., è un’imponente struttura ipogea scandita in senso longitudinale da file di pilastri che suddividono l’ambiente in 4 navate coperte da volte a pseudo-crociera. Ubicato sulla sommità dell’arce, corrispondente all’attuale borgo medievale di Castellone, era alimentato dalle sorgenti della zona collinare di S. Maria la Noce per garantire il rifornimento idrico dell’antica città di Formiae.
Presenta forti affinità tipologiche con due delle più importanti cisterne del mondo antico, quali la “Piscina Mirabilis” di Miseno e la celebre “Yerbatan Saray” di Istanbul, e può essere considerato un importante tassello nel recupero archeologico delle principali testimonianze dell’ingegneria idraulica romana.
In questo luogo suggestivo il visitatore si trasforma in un viaggiatore-protagonista immerso in uno spazio dinamico, coinvolto da un moto che lo invita ad avanzare verso il “centro focale” dell’ambiente: l’originario ingresso all’antica cisterna.
Suoni, colori, giochi di luci e di ombre movimentano questo spazio, svelando particolari e nuove prospettive, e da ogni angolo il visitatore-protagonista è in grado di percepire sensazioni antiche.
ORARIO DI APERTURA*
Da settembre ad Aprile:
sabato, domenica, giorni festivi, 24, 30 e 31 dicembre
dalle ore 16.30 alle ore 19.30 (la biglietteria chiude alle ore 19.20).
Giorno di chiusura: 25 dicembre.
Maggio – Giugno:
sabato, domenica e giorni festivi
dalle ore 17.30 alle ore 20.30 (la biglietteria chiude alle ore 20.20).
Luglio – Agosto:
dal martedì alla domenica
dalle ore 17.30 alle ore 20.30 (la biglietteria chiude alle ore 20.20).
Giorno di chiusura: lunedì.
Tutte le prime domeniche del mese il sito è visitabile anche dalle ore 10.30 alle ore 12.30.
Cisternone Romano
Translate »